Lot 4 12.00 EUR
Literature Europe

12.00 EUR

[{"image":"https:\/\/cdn.philasearch.com\/A09453\/S20210101\/4.jpg","thumb":"https:\/\/cdn.philasearch.com\/A09453\/S20210101\/4.jpg"}]

12.00 EUR

Bid now
La Posta dei Comuni

COMPLETE SPECIALIZED COLOR EDITION of 64 pages

It is with the massive use of weapons and powerfully destructive means that modern war has involved, more and more heavily than in the past, the life of civil society. It is no longer the titanic clash between two armies facing each other on the borders as in the most distant years. The last two world wars of the twentieth century destroyed countries, entire metropolises, roads, bridges and railways. By shattering and hindering also the possibility of communication between people. Yet people's need to interact has never completely stopped, despite the chaos of the war. The "reading" of postage stamps and the activity of improvised post offices, in those hungry and dramatic days, constitute a culturally very interesting bridge for passing from a "minor" history such as that of philately to a lively understanding of the great events that marked the our country. The two world wars upset the borders of Italy; they transform its territorial structure and, above all, force Italians to face endless hardships. Among these, isolation, in fact. In the devastated country, the state mail service reaches its limit: it works in fits and starts, when it does not even become paralyzed. The causes of the blackout are many, linked and inevitably connected to the war scenario. The means of transport are limited, largely destroyed. Fuel is scarce due to the pressing demand of the military forces engaged at the front. As if that were not enough, during the second conflict, the bombings of the allied forces devastated roads and destroyed bridges, thus making the main arteries of the peninsula impracticable. Every form of central and peripheral communication slows down, with postal correspondence (already slow in nature) paying for it first...

by Tommaso Tagliente e Andrea Frassineti


Italian version:
La Posta dei Comuni

EDIZIONE COMPLETA SPECIALIZZATA A COLORI di 64 pagine

E’ con l’uso massiccio di armi e mezzi potentemente distruttivi che la guerra moderna ha coinvolto, sempre più pesantemente rispetto al passato, la vita della società civile. Non è più lo scontro titanico tra due eserciti che si affrontano ai confini come negli anni più lontani. Gli ultimi due conflitti mondiali del Novecento hanno distrutto paesi, intere metropoli, strade, ponti e ferrovie. Frantumando e intralciando anche la possibilità di comunicazione fra le persone. Eppure la necessità della gente di interagire non si è mai del tutto interrotta, nonostante il caos bellico. La “lettura” dei francobolli e l’attività di uffici postali improvvisati, in quei giorni affamati e drammatici, costituiscono un ponte culturalmente assai interessante per transitare da una storia “minore” come quella della filatelia alla viva comprensione dei grandi eventi che hanno segnato il nostro Paese. Le due guerre mondiali stravolgono i confini dell’Italia; ne trasformano l’assetto territoriale e, soprattutto, costringono gli italiani ad affrontare disagi senza fine. Fra questi l’isolamento, appunto. Nel Paese devastato il servizio di posta statale arriva allo stremo: funziona a singhiozzo, quando addirittura non si paralizza. Le cause del black-out sono tante, concatenate e inevitabilmente connesse allo scenario bellico. I mezzi di trasporto sono limitati, in gran parte distrutti. Il carburante scarseggia per la pressante richiesta delle forze militari impegnate al fronte. Come non bastasse, durante il secondo conflitto, i bombardamenti delle forze alleate devastano strade e distruggono ponti, rendendo così impraticabili le principali arterie della penisola. Ogni forma di comunicazione centrale e periferica rallenta, con la corrispondenza postale (già di sua natura lenta) che ne fa le spese per prima. Durante la Grande Guerra a essere colpito dai danni è in gran parte il Veneto, mentre il conflitto scoppiato nel 1940 si rivelerà disastroso per la maggior parte della Penisola e soprattutto nelle periferie. I luoghi di campagna e le zone che si trovano al di fuori delle principali rotte commerciali sono quelle maggiormente penalizzate, ed è proprio qui che i professionisti e i neo imprenditori a capo di piccole ditte appena emergenti subiscono un durissimo colpo. Sono proprio loro, i cosiddetti “sfollati” rifugiatisi fuori dai grandi centri urbani per scampare alle devastazioni della guerra, a pagare alla fine il prezzo più alto. Ed è proprio in questa situazione di smarrito isolamento che sindaci intraprendenti di molti Comuni s’ingegnano per far fronte alle carenze nel servizio postale. Gli addetti alla distribuzione della corrispondenza vengono così retribuiti mediante tasse appositamente create, che il ricevente deve versare al momento della consegna. Alcuni Comuni si ingegnano al punto di emettere valori speciali sul tipo delle marche municipali. E c’è chi ricorre, grazie all’aiuto di filatelisti, alla sovrastampa di francobolli già esistenti. In ogni caso i Comuni, con le trovate più diverse, fanno fronte autonomamente al disservizio e all’emergenza bellica. Assicurando ai cittadini una corrispondenza puntuale e regolare, perfino nelle zone più isolate e abbandonate.

di Tommaso Tagliente e Andrea Frassineti

Message to Aste Laser Invest

Login

As a registered user, you can place bids, save your profile and view your bid history.

Not registered yet?

Click here to register

Your maximum bid:

There are other items on your bid sheet. Please note that your bids for all of the following items will be sent alongside this bid once you click the button below.
Starting price
Bid
Lot

Your maximum bid:

One moment please...