I Misteri di Zara

di Alessandro Moro

pertile1999.jpg (13665 byte)

 

Inverno 1943-44, coste orientali dell’Adriatico. All’acme della seconda guerra mondiale si consuma la tragedia storica di Zara. L’enclave italiana soggiace all’occupazione tedesca, subisce i tentativi di annessione dei partigiani titini, stremata dagli estenuanti bombardamenti degli Alleati. In un’atmosfera da “Crepuscolo degli Dei” sono perpetrati strani delitti, su cui indaga il tenente dei carabinieri Umberto Favaretto. Sullo sfondo giganteggiano i rari francobolli italiani sovrastampati dai tedeschi “Deutsche Besetzung Zara”, veri protagonisti della vicenda.

Romanzo storico e thriller filatelico, “I misteri di Zara” di Alessandro Moro con il suo impianto narrativo ben congegnato, avvincente nell’intreccio di amore e guerra, puntuale nell’ambientazione topografica e storica, inganna il lettore: nessuno, nulla come appare. Anche “l’eroe buono” ha i suoi fantasmi e, nonostante gli indizi sparsi, il finale sorprendente. A rendere la trama ancora pi allettante per i collezionisti, riferimenti concreti a loro familiari, come quelli al commerciante triestino Sfiligoi, allo scaligero Nicodem, o al veneziano Degani.

 

CHIUDI