Le 800 giornate di Napoli

 Il Governo Militare Alleato e la posta nell'Italia divisa

di Emilio Daffarra e Franco Filanci

pertile1999.jpg (13665 byte)

 

A Napoli bastarono quattro giornate, seppur terribili, per liberarsi dai tedeschi, ma ce ne vollero 800 per vedere il termine del Governo Militare Alleato. A differenza del resto d’Italia, che dopo un più o meno breve periodo veniva reso alla sovranità del Governo Italiano, Napoli fu restituita all’amministrazione italiana solo il 1º gennaio 1946, insieme all’Alta Italia e ad alcune località strategiche. E dal dicembre 1943 al luglio 1944 per la sua posizione e il suo porto Napoli fu praticamente la capitale d’Italia, insieme a Salerno. E vide sul piano postale non pochi avvenimenti a dir poco unici, come due emissioni alleate divenute quasi subito italiane a tutti gli effetti e un francobollo d’emergenza stampato presso uno stabilimento privato.
E’ la storia narrata da “Le 800 giornate di Napoli”, in cui eventi storici e fatti postali, francobolli d’ogni tipo ed emergenze quotidiane si alleano nel formare un quadro insieme appassionante, tragico, umano. Che mostra una volta di più come la posta e la filatelia, se osservate con la dovuta attenzione e senza pregiudizi (compresi quelli collezionistici), possano offrire una documentazione storica senza eguali, che passa dagli interessi politico-istituzionali delle autorità alla quotidianità spicciola della popolazione, nei periodi di guerra limitata persino nei più elementari diritti di comunicazione famigliare.
 

 

CHIUDI